Studio Caterina | “ROTTAMAZIONE” Cartelle Equitalia
484
post-template-default,single,single-post,postid-484,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

“ROTTAMAZIONE” Cartelle Equitalia

“ROTTAMAZIONE” Cartelle Equitalia

La novità introdotta dal decreto fiscale collegato alla Legge di bilancio 2017 (D.L. n. 193/2016) prevede la possibilità di definire in via agevolata i ruoli affidati agli agenti della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2016, mediante il pagamento integrale, anche dilazionato, delle somme maturate a favore dell’agente della riscossione, a titolo di:

–          capitale e interessi;

–          aggio (solo sul capitale) sul capitale e rimborso delle spese per le procedure esecutive, nonché di rimborso delle spese di notifica della cartella di pagamento.

Aderendo all’anzidetta definizione agevolata (c.d. rottamazione delle cartelle) non sarà dovuto il pagamento di:

–          sanzioni e relativo aggio;

–          interessi di mora;

–          sanzioni e somme aggiuntive dovute sui contributi previdenziali.

Possono essere oggetto della rottamazione anche le cartelle riferite a contravvenzioni al codice della strada, nonché le cartelle per le quali è già in corso un piano di rateazione, a condizione però che risultino adempiuti tutti i versamenti con scadenza al 31 dicembre 2016.

Per accedere alla rottamazione, il contribuente deve presentare un’istanza all’agente della riscossione entro il 31 marzo 2017, nella quale indicare, tra l’altro, la modalità di pagamento scelta, nonché l’impegno a rinunciare ad eventuali giudizi pendenti.

L’agente per la riscossione comunicherà ai contribuenti, entro il 31 maggio 2017, l’ammontare complessivo delle somme dovute, quello delle singole rate e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse.

Il pagamento potrà essere effettuato integralmente entro luglio 2017 o in forma rateale, nel massimo di cinque rate di pari ammontare (tre rate nel 2017 nei mesi di luglio, settembre e novembre e due nel 2018 nei mesi di aprile e settembre) sulle quali sono dovuti gli interessi (da calcolarsi a decorrere dal 1° agosto 2017). In caso di pagamento rateale, il 70% delle somme complessivamente dovute dovrà essere quindi versato nel 2017 e il restante 30% nel 2018.

 

No Comments

Post A Comment